fbpx

L’AMERICA si interroga e forse si avvia al cambiamento :: HORSE RACING REACHES CRITICAL MOMENT RASH OF DEADTHS..

L’AMERICA si interroga e forse si avvia al cambiamento :: HORSE  RACING REACHES CRITICAL MOMENT RASH OF DEADTHS..

..
La crescente preoccupazione per il numero di cavalli che muoiono in pista – in media 10 alla settimana – sta costringendo l’industria delle corse a rivalutare il modo in cui conduce i suoi affari.
Alcuni chiedono una maggiore regolamentazione, mentre altri vogliono un divieto assoluto, riferisce il corrispondente della CBS News Don Dahler.
Nessuno conosce il brivido e i rischi dello sport più del fantino di Hall Of Fame Gary Stevens. Ha vinto 5.000 gare, tra cui il Kentucky Derby, il Preakness Stakes e il Belmont Stakes tre volte ciascuno. Ha anche avuto un ruolo nel film “Seabiscuit”
Ma Stevens ora è preoccupato che lo sport che ama sia in pericolo esistenziale.

Dopo la morte più recente di un cavallo a Santa Anita durante la Breeders ‘Cup Classic nonostante un numero senza precedenti di riforme attuate su quella pista negli ultimi mesi, il senatore della California Dianne Feinstein ha emesso un minaccioso avvertimento: “Se l’industria delle corse dei cavalli non è disposta per trattare queste magnifiche creature umanamente, non ha attività commerciali negli Stati Uniti. ”

Stevens ha dichiarato: “Ho paura di correre qui in California. Lo sono davvero.”

“L’idea sbagliata è che non ci prendiamo cura di questi cavalli, e che come gruppo non ci interessa. A noi importa”, ha detto.

Ci sono sempre stati incidenti mortali nelle corse dei cavalli. Quando gli atleti di mezza tonnellata corrono a tutta velocità – circa 40 miglia all’ora – solo un piede alla volta colpisce il suolo, il che è un’enorme quantità di pressione violenta sulle ossa delle gambe relativamente strette. Quando si verifica un osso rotto, i purosangue sono semplicemente fisiologicamente incapaci di rimanere in vita mentre l’osso guarisce.

Ma i decessi nelle corse di cavalli negli Stati Uniti sono due o tre volte più alti che in Europa, dove ci sono controlli più severi sui farmaci durante la corsa e dove allenamento e piste sono diversi.

Il problema più grande negli Stati Uniti è la mancanza di una forte autorità centrale, ha affermato Arthur Hancock III, le cui scuderie Stone Farm nel Kentucky hanno schierato 14 campioni internazionali. Non vi è alcun commissario, con conseguente patchwork di normative contrastanti su farmaci, registri veterinari e persino l’uso della frusta.

“Abbiamo 38 diverse giurisdizioni di corse … … chiamo tutti questi gruppi feudi e non possono stare insieme”, ha detto.

Hancock crede anche che i cavalli americani siano completamente iper-curati, e molti farmaci mascherano i problemi sottostanti, mettendo forse i cavalli leggermente feriti sulla strada per un infortunio fatale.

Nella maggior parte degli stati, sia il Lasix, un farmaco anti-sanguinamento, sia il fenilbutazone antinfiammatorio, noto come bute, sono ammessi il giorno della gara. Uno studio europeo ha pubblicato questo mese il bute statisticamente connesso ai guasti in pista.

“Sostengo che se un cavallo ha bisogno di droghe per correre non ha bisogno di correre. Ha bisogno di correre sulla sua abilità naturale … non su un’abilità indotta chimicamente”, ha detto Hancock.

Un disegno di legge ora prima del Congresso eliminerebbe tutti i farmaci del giorno della gara e darebbe autorità di contrasto all’agenzia antidoping che supervisiona le Olimpiadi. Stabilirebbe anche un’autorità centrale indipendente incaricata di migliorare la sicurezza di cavalli e cavalieri.

Stevens disse che avrebbe “assolutamente” sostenuto quel tipo di autorità.

“Sei ottimista ora che il cambiamento accadrà?” Chiese Dahler.

“Deve succedere, o hanno finito qui. Periodo. E se hanno finito qui, sarà un’onda di marea negli Stati Uniti”, ha detto Stevens.

Proprio questo mese, un gruppo di proprietari, piste e organizzazioni che rappresentano l’85% delle corse dei cavalli americane ha annunciato la propria iniziativa per creare una coalizione di sicurezza di razza. Ma Hancock è scettico sul fatto che l’industria sia in grado di sorvegliarsi da sola.
CBSNEWS.COM

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: